Linux Day Napoli 2015: prima sessione pomeridiana

astro_barcamp
La prima parte della sessione pomeridiana del Linux Day Napoli 2015, sarà sotto forma di barcamp, ovvero a contatto diretto con la platea con l’intenzione di creare una stretta interazione tra relatore e pubblico (programma soggetto a variazioni)

1° parte sessione pomeridiana – chairman: Giovanni Bruno (ALFRED/NaLUG)

Luigi Teschio – Il potere della community
abstract:
The Power of Community:  Introduzione al concetto di community, come parteciparvi e perchè farlo: come iniziare a cambiare se stessi e il mondo
bio:
Studente al liceo scientifico, appassionato di informatica, opensource evangelist. Cerco di tenermi lontano da tutto ciò che è closed source.

Christian Basile – Open source my disease: il potere dell’open source nella cura del paziente
abstract:
Un’esposizione sulle prospettive che l’open source può offrire nella cura del paziente: Dal software alla stampa 3D a nuovi modelli di databases, in modo da assicurarsi cure migliori a prezzi più bassi, tenendo sempre presente che lo scopo del medico è guarire. Importante l’accento posto alla community ed alla libera partecipazione allo sviluppo di software e tecniche.
bio:
Christian Basile è uno studente di Medicina e Chirurgia presso la Federico II di Napoli. Cresciuto a pane e DOS, ha conosciuto il mondo del modding grazie alla PlayStation 2 ed a modchip dalla dubbia legalità. La passione per il modding è rimasta, affiancandosi alla passione per l’Open Source, che lo ha portato ad essere piuttosto attivo, anche senza scrivere codice, nell’underground del mondo Meego/Maemo.

Giovanni Bruno ft. Salvatore Merone (ALFRED/NaLUG) – ALFRED Project: updates & join us
abstract:
ALFRED è l’acronimo di “Automatic Linker For Remote Electrical Devices” ed è un sistema distribuito di domotica che ti permette di controllare la tua casa da remoto.
Alfred è:
– semplice, da costruire, usare ed installare;
– maker friendly, è possibile costruire dei propri devices da collegare ad Alfred ed è completamente personalizzabile;
– low cost e low power;
– affidabile;
– sicuro;
– opensource e openhardware;
– flessibile, Alfred può essere usato per altri scopi (es. rete di sensori per monitoraggio ambientale).
Alfred può inglobare anche altri protocolli di domotica (es. x10).
bio:
Giovanni di Dio Bruno: Studente di Ingegneria dell’Automazione presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II.  Appassionato di robotica e del mondo opensource. Nel 2014 ha partecipato al Circuit Cellar WIZNet “Connect the Magic” Challange presentando ALFRED project. Dopo aver conseguito una menzione “distinctive excellence” ha deciso di continuare il progetto facendolo evolvere.
Salvatore Merone: Un comune terrestre appassionato nel rompere (e creare) cose. Programmatore autodidatta ed utente Linux dal 2010, cerca di rendere il mondo un posto migliore con Alfred.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.